Napoli, all’ntS, emozioni intense per “Ma come si fa?” di Luciano Melchionna

foto Giuseppe Panza

Lo spettacolo di Luciano Melchionna, “Ma come si fa?” per la prima volta a Napoli, questa sera al Nuovo Teatro Sanità, ha concluso, con successo, le tre serate in programma.

La performance scritta e diretta da Melchionna, che vede protagoniste Adelaide Di Bitonto, Sara Esposito ed Eleonora Tiberia ha riscosso notevole successo. Sold out, infatti, per il monologo “a tre voci” sulle urgenze dell’amore, un delirio emotivo che vuole toccare le corde più profonde della tenerezza.

Un alternarsi di sensazioni ed emozioni che dal palcoscenico si espandono verso il pubblico come un’onda d’urto che travolge e sconvolge. È difficile spiegare con semplici parole ciò che può risultare duro e doloroso: Melchionna e le sue attrici rendono tangibile il male di vivere. Si avverte inesorabile l’emergenza d’amore che il mondo, invece, fa finta di non sentire.

L’empatia, che è alla base delle opere dell’autore, è fondamentale:  il pubblico partecipa e si rende protagonista anche solo con lo sguardo, si percepisce che in quel preciso momento le parole delle protagoniste diventano dello spettatore. Ognuno, in sala, ha nel suo vissuto una certa insofferenza, l’eterna impazienza, e altre volte il desiderio di cambiamento, di crescita, voglia di ritrovarsi e, perché no, di cercarsi e abbracciarsi.  Non sempre ci è concesso.

“Non sempre è amore per come crediamo debba essere” dice Melchionna.

Il grido di dolore delle protagoniste si trasforma, alla fine dello spettacolo, in un invito a tenersi per mano, a godersi il momento, perché si sa… “che poi si muore”.

Giustina Clausino

foto Giuseppe Panza

 

Ma come si fa

performance teatrale scritta e diretta da Luciano Melchionna

con Adelaide Di Bitonto, Sara Esposito ed Eleonora Tiberia 
musiche a cura di Riccardo Regoli

costumi Milla

luci Raffaele Fracchiolla

assistente alla regia Sara Esposito