Ultimissime

Napoli, presentato “On Five” l’ultima opera di Leonardo De Lorenzo

foto Daniela Vellani

“On Five” è il titolo dell’ultima opera di Leonardo De Lorenzo registrata live col suo quintetto presso Elios Studios di Castellamare di Stabia davanti al pubblico

Assistere alla nascita di un disco è un momento molto emozionante perché viene alla luce una creatura desiderata e tanto attesa. Ne senti il primo respiro, i primi vagiti, i primi suoni, la gioia, la felicità e la voglia di vivere e di condividere.
Ecco quello che è successo sabato, 18 gennaio, presso gli Elios Studios di Giovanna Liguori e Claudio Gentiletti a Castellammare di Stabia.

L’eclettico batterista Leonardo De Lorenzo è l’autore di questa bella storia.

Si è trattato di un evento speciale, sui generis, maturato dopo numerosi giorni di preparazione minuziosa e attenta e sfociato nella registrazione in modalità live del suo nuovo album “On Five”. I due set di registrazione delle tracce del cd, scritte e arrangiate dallo stesso De Lorenzo, hanno previsto la partecipazione attiva e calorosa del pubblico.

Assieme al batterista, hanno partecipato altre eccellenze jazz: Giacinto Piracci alla chitarra elettrica, Ergio Valente al pianoforte e alle tastiere, Vincenzo Lamagna al contrabbasso e Ciro Marone al sax alto.

Leonardo De Lorenzo ne ha composto e arrangiato i brani musicali: Hope, F Supremacy, Wild Mind, Il Filo Rosso, Reflection, Perdersi in un quadro.

Si tratta di sei tracce, anzi direi cinque più una, dal momento che la scelta del titolo On five non è stata casuale. E’ un numero a cui De Lorenzo è legato in questo momento per svariati motivi e svolge un ruolo taumaturgico particolare: l’autore ha cinquantacinque anni, la formazione è costituita da un quintetto, cinquantacinque è il numero della musica, cinque quante le dita di una mano che simboleggia la creatività, il pentagramma ha cinque righe, cinque sono i lati di un pentagono e la geometria, svolge un ruolo importante nella musica e nel jazz come John Coltrane docet.

I brani sono variegati, creativi e ricchi di colori e sfumature sonore accattivanti. Tessono vere e proprie narrazioni musicali, come suite progressive con agganci alla musica classica e molte sonorità rock. In ciascuno sono presenti virtuose improvvisazioni che permettono a ciascun musicista di esprimere la propria arte e mettere in luce risorse e talento.

Come accennato, la presenza del pubblico è stata fondamentale. In questi tempi di decadenza culturale, un progetto innovativo e di elevata qualità come questo si sposa con il bisogno di mecenatismo di chi ama l’arte e la cultura. Ciascun partecipante, con la formula di finanziamento Crownfounding, ne è diventato coofinanziatore ed ha avuto la possibilità di assistere attivamente alla creazione e registrazione del cd, in un importante studio discografico, tra musicisti, fonici, microfoni, sofisticati impianti di registrazione e strumentazione audio/video.

Ma un altro aspetto importante della “live rec room” è stata la sinergia tra musicisti e pubblico. Sicuramente avuto una positiva ricaduta sulla qualità delle performance che sono state superbe e intriganti. Le emozioni, il palpabile coinvolgimento, l’atmosfera calorosa sono stati assorbiti dai musicisti e plasmati in esecuzioni che hanno toccato le corde di tutti.

Non appena sarà ultimato il certosino lavoro di riascolto delle registrazione, del mixaggio, di correzione e di selezione, il cd sarà pubblicato con l’etichetta Soundfly di Bruno Savino, i cofinanziatori riceveranno una copia sul cui booklet ci saranno i loro nomi, e non mancheranno eventi di promozione e presentazione.

Non ci resta, dunque, che attendere questi momenti.

 

Daniela Vellani

More from Ultimissime

Matteo Garrone dà vita ad un “Pinocchio” in un’atmosfera fiabesca e surreale

Il nuovo Pinocchio di Matteo Garrone fa rivivere la storia del burattino più amato, dà a Roberto Benigni la possibilità di diventare Geppetto, e l’attore e regista toscano (già Pinocchio nel suo film di qualche anno fa) rende l’anziano babbo tenero e … Per saperne di più

Il lanciatore di donne e altri racconti: musicalità e poesia nel primo libro di Jennà Romano

“Nove storie da sentire e nove canzoni da leggere” è il giusto sottotitolo de Il lanciatore di donne e altri racconti, di Jennà Romano, perché la musicalità dei racconti e la poesia delle canzoni sono la perfetta sintesi di questo … Per saperne di più

S. Maria C. V., presentato l’evento benefico “Pianoforte sotto l’albero”

L’Inner Wheel Club Capua Antica e Nova Caserta ha presentato l’evento “Pianoforte sotto l’albero” nel  sontuoso Salone degli Specchi del Teatro Garibaldi di S. Maria Capua Vetere. La serata, dalla doppia impronta, solidale e musicale, è stata arricchita dalle note … Per saperne di più

Napoli, grande successo per “Tre donne, una sola anima, un solo amore: Chopin”

“Sono io George Sand…” “Sono io George Sand…” “Sono io George Sand…” in una staffetta di tre voci echeggia un nome, George Sand, appunto… Si tratta di voci diverse, tre come i tre volti che convivono in un personaggio intrigante … Per saperne di più