Archivi autore: Giusy Clausino

Napoli, al Teatro Bellini, Brad Mehldau incanta il pubblico

La pioggia incessante di un’anomala primavera non ha impedito agli amanti della musica bella di accorrere ad un concerto unico e di rara bellezza.

E’ stato così che mercoledì scorso, 15 maggio, l’elegante teatro Bellini di Napoli, gremito come un uovo, ha accolto un pianista eccezionale e grande, dal tocco magico e leggiadro, Brad Mehldau, che dopo tre anni ha ripetuto il miracolo di sospendere il tempo e ammaliare i presenti.

Questa volta il musicista statunitense, però, si è esibito in trio. Assieme a lui una sezione ritmica d’eccellenza: Larry Grenadier al contrabbasso e Jeff Ballard alla batteria, due musicisti di altissimo livello.

In un interplay impeccabile e sinergico, il trio fin dalle prime note ha conquistato il pubblico, offendo uno spettacolo decisamente bello, elegante, all’insegna della professionalità e del grande jazz nord americano con un linguaggio personale e originale che lo ha reso unico.

Genialità, poesia, emozioni, un pizzico di spiritualità, contaminazioni, armonie, contrappunti, melodie sono stati alcuni degli ingredienti che ne hanno condito le performance, toccando le corde dei presenti e che, sia gli amanti del jazz che chi ha ascoltato per la prima volta Mehldau, non dimenticheranno.

Il brano di apertura, Spiral, ha creato subito un’atmosfera calda in un impatto immediato col jazz di classe. Il piano ha vibrato con veri e propri ricami che hanno tessuto in modo limpido e fluido carezze melodiche su cui il ritmo degli altri strumenti si è unito con l’effetto di una musica d’insieme cristallina e avvolgente.

Il contrabbasso nel brano successivo, Caravan, ha dato subito la sua impronta ritmica. Il brano è stato eseguito in una versione personale e affascinante, con variazioni particolari e interessanti che hanno evidenziato la forte personalità di Mehldau.

I brani si sono via via susseguiti conquistando completamente il pubblico che, assorto, ha ascoltato in religioso silenzio, per poi scatenarsi con vere e proprie ovazioni alla fine di ciascuna esecuzione.

La scaletta è stata ricca e variegata con mutamenti di atmosfere difficilmente ripetibili grazie alle creazioni improvvisative del trio e alla capacità compositiva caratterizzata dall’immediatezza. Si passava così da momenti briosi ed effervescenti a momenti pacati e soft, dall’intensità alla delicatezza con svolazzi sui tasti sfiorati con la leggiadria di ali di farfalla, dalle accelerazioni improvvise, incalzanti e compulsivea melodie eleganti con armonie solide e pacate, il tutto espresso in una danza di note in un clima onirico e trascinante nel contempo.

Le sequenza dei brani si concludeva con Into the city, composizione di Mehldau molto particolare e caratterizzata da un ritmo sincopato e ripetuto in modo piacevolmente ossessivo dal contrabbasso e amalgamato dalla batteria che esplodeva in una raggiera di suoni incalzanti su cui si aprivano squarci di luce emessi dal pianoforte in un interessante contrappunto.

Naturalmente dopo il saluto del trio, il pubblico ha richiesto il bis e così i tre valenti musicisti si sono ripresentati sul palco per ben due volte.

But beautiful è stato il primo. Durante la sua esibizione si sono sprigionate note di jazz bello e ciascun musicista ha evidenziato le proprie peculiarità con improvvisazioni e dialoghi tra strumenti.

La celeberrima My favourite things eseguita superbamente ed in una lettura da incorniciare ha infine donato altre forti emozioni, chiudendo uno straordinario e spettacolare concerto che si ricorderà per la gran classe e l’esempio di bellezza artistica.

Daniela Vellani

Napoli, inaugurata, a Castel Dell’Ovo la mostra “Moovartist 2019”

Sabato 4 maggio, alle ore 13, nella sala Le Sirene di Castel dell’Ovo si è svolta la presentazione della mostra “Moovartist 2019”, presenziata da: Fabrizio Checchi e Sergio Bernardi (rispettivamente presidente e vice presidente della Fondazione Amedeo Modigliani); il professore … Per saperne di più

Napoli, al Bellini, debutta “Il contrario di uno”, tratto dal libro di Erri De Luca

Dal 2 al 5 maggio, al Piccolo Bellini di Napoli debutterà “Il contrario di uno” dell’Associazione Maestri di Strada e l’Associazione Trerrote, tratto da Erri De Luca e dalle testimonianze storiche raccolte in Guerra totale di Gabriella Gribaudi. L’adattamento e la … Per saperne di più

Roma, al Teatro Studio Uno, torna in scena “Otello non si sa che fa” di Giovan Bartolo Botta

Dopo il successo dello scorso novembre torna in scena dal 25 al 28 aprile al Teatro Studio Uno “Otello non si sa che fa – spettacolo teatrale senza memoria” dalla folle penna di Giovan Bartolo Botta protagonista insieme a Claudia Salvatore di uno studio sull’amore senza giudizio. Un Otello ridotto all’essenziale.  Al conflitto di … Per saperne di più

Catanzaro, a Palazzo della Provincia, sarà presentato il volume “L’arte e il Paesaggio Le belle contrade”

Venerdì 26 aprile 2019, alle ore 17.00, a Catanzaro, presso il Salone del Palazzo della Provincia, verrà presentato il volume di Giorgio Ceraudo dal titolo L’ARTE E IL PAESAGGIO Le belle contrade  (Rubbettino  Editore). Interverranno all’iniziativa:  Ivan Cardamone, vicesindaco e assessore … Per saperne di più

Napoli, NarteA presenta “Melodie d’arte. Il Filangieri racconta”

Venerdì 19 aprile ore 20,00, NarteA presenta il suo nuovo evento “Melodie d’arte. Il Filangieri racconta”, che coniuga la visita guidata al quattrocentesco palazzo Como, sede del Museo civico Gaetano Filangieri, con il repertorio della canzone partenopea legata a sentimenti … Per saperne di più

Piacenza, alla Fahrenheit 451, Marco Pettorelli presenta “Le ultime nevi. Racconti d’inverno”

Venerdì 19 aprile, alle ore 18.30, alla libreria Fahrenheit 451, a Piacenza, si terrà la presentazione del libro “Le ultime nevi. Racconti d’inverno” di Marco Pettorelli. Con l’autore intervengono Laura Silvotti e Gustavo Conni. Aspettare l’inverno tutto l’anno, aspettare che trascorra … Per saperne di più