Archivio Mensile: ottobre 2021

Napoli, grande successo per “Mettici la mano” con Adriano Falivene e Antonio Milo, al Teatro Diana

Standing ovation per “Mettici la mano”, rappresentazione teatrale che sta registrando soddisfazioni e successo presso il teatro Diana di Napoli.

Il successo è meritato perché sul palco traspare talento, passione, bravura, commozione. Il teatro rivela la professionalità e la capacità trasformativa degli attori, che tocca le corde di chi assiste lasciando dentro qualcosa in più, tracce di bellezza e riflessione.

Ciò succede quando gli attori entrano nei personaggi e assieme a loro creano una sinergia con i presenti che sospende il tempo e trasporta in una dimensione di viva partecipazione emotiva.

‌Grazie ad Adriano Falivene e ad Antonio Milo, rispettivamente Bambinella e il brigadiere Raffaele Maione nella fortunata serie del Commissario Ricciardi e che anche in “Mettici una mano” sono nei panni di questi personaggi, e alla giovanissima Elisabetta Mirra, si assiste ad uno spettacolo unico, originale, divertente, toccante ed emozionante. L’ironia, la mimica, l’espressione di Adriano Falivene sono spiazzanti. La sua professionalità è ineccepibile e sul palco viene fuori un’esperienza teatrale variegata, ricca, costruita con grande dedizione e passione, accanto ad un raro talento naturale. La padronanza scenica, la naturalezza con cui entra nel ruolo del brigadiere e la lunga esperienza artistica di Antonio Milo, trasmettono subito e in modo empatico simpatia, tenerezza, senso della giustizia e soprattutto grande umanità. Le due eccellenze rappresentano due aspetti della vita in opposizione: apparente leggerezza del femminiello e rigida ma vulnerabile sobrietà dell’altro che si compensano e si fondono comunicando nell’immediato un’empatica complicità come nelle celeberrime coppie dello spettacolo: da Stanlio ed Olio a Totò e Peppino a Don Camillo e Peppone. Non di meno Elisabetta Mirra, nel ruolo di Melina su cui ruota la vicenda, che pur essendo giovanissima, mostra grinta, padronanza, professionalità e sicuramente è una attrice che farà strada e farà parlare di sé.

‌Il tutto si svolge all’interno di un sottoscala, rifugio provvisorio durante un bombardamento aereo del 1943 dove c’è una statua della Madonna circondata da lumini che è diventata un altare provvisorio dove pregare e chiedere grazie e che diventa anche essa parte importante della storia.

Attraverso i dialoghi, in cui l’ironia e la gestualità predominano, si snoda una storia forte e intensa di sfruttamento, ingiustizia, dolore, sofferenza e morte, ma anche di amore, bontà, comprensione e grande umanità. La drammaticità della vicenda è alleggerita dall’ironia che offre alla narrazione un barlume di speranza di riscatto sociale di quelle classi sociali ingiustamente emarginate.

‌Non mancano colpi di scena e i momenti che suscitano risate, applausi a scena aperta e qualche lacrima si susseguono ad un ritmo coinvolgente grazie all’intesa e alla complicità dei tre attori.

‌Il testo è di Maurizio De Giovanni che ancora una volta non smentisce la sua capacità di narrare vicende umane reali con testi dalla penna fluida, raffinata e a tratti popolare con momenti poetici e dove il napoletano colora l’espressione artistica e melodica.

‌Il commento musicale di Marco Zurzolo contribuisce a creare un’atmosfera intima e avvolgente: il suono di una fisarmonica incornicia di tanto in tanto la scena creando con discrezione suggestioni e immagini.

‌La regia è di Alessandro D’Alatri, le scene sono di Toni Di Pace, i costumi di Alessandra Torella e il disegno luci di Davide Sondelli.

‌Chapeau a tutto il cast che grazie ad un lavoro di squadra eccellente ha donato bellezza artistica in tutte le sue sfaccettature.

‌Le repliche proseguiranno da calendario fino a giovedì 11 novembre presso il teatro Diana di Napoli.

 

Daniela Vellani

Premio Bianca d’Aponte – Città di Aversa: Isotta vince la 17esima edizione

Ad Aversa (CE), ieri sera si è conclusa, con successo, la 17esima edizione del Premio Bianca d’Aponte con la vittoria di Isotta con il brano “Io”. Il festival, unico nel suo genere, celebra il cantautorato femminile; nelle serate del 22 … Per saperne di più

Napoli, al Piccolo Bellini, applausi meritati per “La Fidanzata e Pandemico Vaudeville”

Applausi meritatamente interminabili per la prima de “La Fidanzata/Pandemico Vaudeville”, lo spettacolo scritto e interpretato dagli allievi della Bellini Teatro Factory, in scena al Piccolo Bellini di Napoli dal 22 al 31 ottobre. Con in scena Mario Ascione, Francesco Cafiero, … Per saperne di più

Aversa, alla Galleria Par’bleu, Massimo Andrei presenta “Il cane di fuoco”, edito da Colonnese

Venerdì alle 19.30, presso la galleria d’arte Par’bleu, ad Aversa, Massimo Andrei presenta il suo libro “Il cane di fuoco”, edito da Colonnese.  Con l’autore, interverranno Agostino Nino Ragosta e Gianni Puca.   L’Autore Massimo Andrei è nato a Napoli, … Per saperne di più