Società e Attualità

Agro Aversano, inaugurata la mostra “Oltre la notte” (Da Curia a Solimena – Capolavori di pittura meridionale)

foto di Giuseppe Panza

 “La giustizia, anche se è debole di forze, vince; invece l’ingiustizia, anche se ha molti e vigorosi sostenitori, viene sconfitta”

Origene

La straordinaria bellezza della pittura per ridare luce ad una terra dove il buio della notte è stato lungo, molto lungo

Il magistrato e scrittore Gianrico Carofiglio sostiene che la parola Giustizia non può fare a meno della ribellione. Nell’Agro aversano, famigerata terra per aver dato i natali agli uomini dell’esercito del Male del potente clan dei casalesi, la scelta di portare l’arte, la bellezza, la luce in uno dei beni sottratti alla criminalità è un atto di ribellione. È questa l’idea che si colloca alla base della mostra “Oltre la notte” (Da Curia a Solimena – Capolavori di pittura meridionale) a cura di don Gianni Citro e organizzata dalla Fondazione Meeting del Mare C.R.E.A. (Cultura Religioni e Arte), le cui finalità sono ben compendiate nella massima “arte per capire il mondo/arte per la promozione umana”. Con questa mostra inizia una nuova storia a Trentola-Ducenta, fondata su un patto di responsabilità sociale, tra il mondo della cultura made in Campania e delle Istituzioni al servizio dello STATO. Il vernissage, composto da 28 dipinti provenienti da varie collezioni private, verrà inaugurato il 5 dicembre prossimo alle 17,00 a Trentola-Ducenta (Ce) presso il Centro Commerciale Jambo1. Dopo il buio di un passato di collusioni e interazioni con la criminalità organizzata, a tre anni esatti dal sequestro, la mostra di pittura “Oltre la notte” è il coronamento dello straordinario lavoro di dialogo inter istituzionale tra organi dello STATO. Di quella simbiotica collaborazione tra l’Agenzia Nazionale dei Beni Sequestrati e Confiscati alla criminalità organizzata (ANBSC) e la Magistratura che hanno avviato il radicale risanamento etico, morale, organizzativo, gestionale e commerciale del Jambo. Uomini delle ISTITUZIONI impegnati, ormai senza sosta, nel ripristino della legalità, dello sviluppo e dell’etica economica, finanziaria e culturale nella gestione del Centro Commerciale. Il Jambo, per conto economico, gestione e sviluppo aziendale, continua ad essere un modello all’avanguardia e riferimento nazionale nel settore della gestione dei beni confiscati e sequestrati alle mafie. “Oltre la notte” – così come concepita dallo stesso curatore – è un percorso, un viaggio, un itinerario in cui il visitatore-protagonista, attraverso l’arte, si allontana gradatamente dalla sponda della notte per raggiungere un definitivo, seppur personale, approdo di luce. Le opere – collocate storicamente nell’arco temporale che va dalla seconda metà del ‘500 ai primi decenni del ‘700 e, pertanto, espressione del barocco di scuola napoletana – sono tutte intessute di quella sottile armonia tra opposti (tormento-beatitudine, profano-sacro, nero-bianco, male-bene, tenebre-luce) sul cui confine si colloca la verità. In questo percorso ideale e reale, le opere pittoriche non sono localizzate, attraverso un’anchilosata logica museale, secondo cui l’arte è accessibile ai pochi, bensì son poste con l’intento, che l’arte sia per i molti. Infatti, il visitatore reale non è solo (ed esclusivamente) l’intellettuale, ma anche l’uomo della strada, la massaia, il bambino e l’anziano. Semplicemente la famiglia. Mai prima d’ora nell’Italia Meridionale, in un urban market, ai fruitori e clienti era stata data l’occasione di poter “incontrare”, passeggiando, i dipinti, l’arte della pittura di Francesco Curia, di Teodoro d’Errico, di Santafede, di Filippo Vitale e di Assereto, di Falcone, di Massimo Stanzione e, infine, di Francesco Solimena. Non è, forse, questo un gesto di manomissione (nel senso latino di liberazione e di riscatto) di una terra incatenata, per storia e per attitudini nelle maglie strette della criminalità organizzata? L’istallazione “Oltre la notte” che sarà possibile visitare sino al 5 febbraio 2019, è anche e soprattutto un atto di Giustizia che come scriveva il filosofo statunitense John Rawls “è il primo requisito delle istituzioni sociali, così come la verità lo è dei sistemi di pensiero”. Partendo dal presupposto che la Giustizia è uguaglianza, la realizzazione di questo progetto sociale e culturale rende più che mai attuali ed operativi i precetti e i programmi che i nostri padri Costituenti scolpirono in quella composita filigrana di disposizioni della Carta Costituzionale: “è compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che (…) impediscono il pieno sviluppo della persona umana (…)”, e che “la Repubblica promuove lo sviluppo della cultura (…)”, “l’arte e la scienza sono libere”. E, se per i credenti il fondamento della giustizia umana è Dio riconosceranno in quest’azione un atto di giustizia cristiana (in ebraico zedakah: armonia tra opposti) perché, con questo gesto d’amore verso la propria terra madre, si è cercato di ridare a ciascuno il suo, riportando la luce in un luogo in cui la notte della camorra è stata lunga.

 

Le Opere in esposizione

  1. Francesco Curia (Napoli, 1565 – Napoli, 1608) Annunciazione Olio su tavola, 106×116 cm. Coll. priv.
  2. Teodoro d’Errico (Dirck Hendricksz) (Amsterdam, 1544 – Amsterdam, 1618) Natività Olio su tavola, 94×124 cm. Coll. priv.
  3. Fabrizio Santafede (Napoli, 1560 – Napoli, 1628) San Gennaro in gloria Olio su tela, 118×160 cm. Coll. priv.
  4. Fabrizio Santafede (Napoli, 1560 – Napoli, 1628) Flagellazione di Cristo Olio su tela, 121×164 cm. Coll. priv.
  5. Jan Roos (Anversa, 1591, Genova, 1638) Angelica e Medoro Olio su tela, 150×295 cm. Coll. priv.
  6. Andrea Vaccaro (Napoli, 1604 – Napoli, 1670) Sacra Famiglia con S. Anna e S. Gioacchino Olio su tela, 228×179 cm. Coll. priv
  7. Andrea Vaccaro (Napoli, 1604 – Napoli, 1670) Deposizione Olio su tela, 143×192 cm. Coll. priv.
  8. Filippo Vitale (Napoli, 1589 – Napoli, 1650) Caino e Abele Olio su tela, 149×197 cm. Coll. priv.
  9. Giuseppe Piscopo (…., 1609 – …., 1656) Trionfo di Davide Olio su tela, 143×156 cm
  10. Giuseppe Assereto (…, … – …, …) San Giacomo alla Marina Olio su tela, 152×190 cm. Coll. priv.
  11. Giovanni Ricca (Napoli, 1603 – …., 1656) San Matteo e l’Angelo Olio su tela, 62×75 cm. Coll. priv.
  12. Massimo Stanzione (Frattamaggiore o Orta di Atella, 1585 – Napoli, 1656) Sacra Famiglia Olio su tela, 148×129 cm. Coll. priv.
  13. Luca Giordano (Napoli, 1634 – Napoli, 1705) San Michele Arcangelo Olio su tela, 205x 160 cm. Coll. priv.
  14. Luca Giordano (Napoli, 1634 – Napoli, 1705) Adorazione dei Pastori Olio su tela, 117×112 cm Coll. priv.
  15. Luca Giordano (Napoli, 1634 – Napoli, 1705) San Francesco Olio su tela, 74×62 cm. Coll. priv.
  16. Johann Heinrich Schönfeld (Biberach an der Riß, 1609 – Augusta, 1684) … Olio su tela, 94×128 cm. Coll. priv.
  17. Aniello Falcone (Napoli, 1600 o 1607 – Napoli, 1665) Martirio di San Gennaro Olio su tela, 86×128 cm. Coll. priv.
  18. Carlo Sellitto (Montemurro, 1581 – Napoli, 1613) Salomè riceve la testa del Battista Olio su tela, 98×134 cm. Coll. priv.
  19. Giovanni Bernardino Azzolino (Cefalù, 1572 – Napoli, 1645) San Giovanni Evangelista Olio su tela, 48×59 cm. Coll. priv.
  20. Nicolas (?) Tournier (Montbéliard, 1590 – Tolosa, 1630) San Andrea Olio su tela, 96×121 cm. Coll. priv.
  21. Maestro di Fontanarosa Attivo a Napoli nella prima metà del ‘600. Orfeo Olio su tela, 74×101 cm. Coll. priv.
  22. Nicola Malinconico (Napoli, 8 agosto 1663 – Napoli, 25 marzo 1726) Sacrificio di Isacco Olio su tela, 101×130 cm. Coll. priv.
  23. Nicola Malinconico (Napoli, 8 agosto 1663 – Napoli, 25 marzo 1726) San Giovanni Battista Olio su tela, 74×101 cm. Coll. priv
  24. Gaspare Traversi (Napoli, 1722 – Roma, 1770) Coronazione di spine Olio su tela, 63×48 cm. Coll. priv.
  25. Niccolò de Simone (Liegi, … – 1677 ?) San Giovanni Battista Olio su tela, 115×136 cm. Coll. priv.
  26. Francesco Solimena (Canale di Serino, 4 ottobre 1657 – Barra, 5 aprile 1747) Madonna, bambino e San Giovannino Olio su tela, 50×62 cm. Coll. priv.
  27. Francesco Solimena (Canale di Serino, 4 ottobre 1657 – Barra, 5 aprile 1747) Angelo custode Olio su tela, 75×103 cm. Coll. priv.
  28. Giovanni Battista Beinaschi (Fossano o Torino, 1636 – Napoli, 28 settembre 1688) Liberazione di San Pietro Olio su tela, 86×175 cm. Coll. priv.

 

L’esposizione è arricchita dal catalogo che reca lo stesso titolo della mostra – OLTRE LA NOTTE – a cura di Gianni Citro ed edito da Rogiosi (160 pg – 25 euro)

More from Società e Attualità

Aversa, don Ciotti alla festa dei dieci anni di “Facciamo un pacco alla camorra”

Mercoledì 28 Novembre presso la fattoria sociale “Fuori di zucca”, presentazione del “pacco” natalizio coi prodotti dei beni confiscati, con il fondatore di Libera. AVERSA – Dieci anni di follia. Mercoledì 28 novembre, presso la fattoria sociale “Fuori di Zucca”, associazioni, operatori sociali, istituzioni e cittadini attivi per festeggiare i dieci anni … Per saperne di più

Roma, la Galleria Pietrosanti G.d.A. lancia “In Opera- Call for artists”, una selezione per artisti

La Galleria Pietrosanti G.d.A. lancia una selezione aperta ad artisti desiderosi di presentare un proprio progetto realizzato appositamente per la galleria. Pietrosanti G.d.A. è una giovane realtà dinamica e aperta a contaminazioni e al continuo dialogo con gli artisti, proponendo il proprio spazio come luogo di incontro … Per saperne di più

Bologna, “Il Jazz va a scuola”: entusiasmo e tante sorprese al 1° convegno nazionale

“La presenza del jazz nella scuola è fondamentale nella crescita dei nostri ragazzi… il jazz tende la mano e fa crescere… musicisti del domani o uomini migliori e più ricchi…” Queste sono solo alcune delle riflessioni del musicista Paolo Fresu … Per saperne di più

Piacenza, a Palazzo Rota Pisaroni, serata sul tema “Dalla medicina della persona al dottor Google in corsia”

Giovedì 18 ottobre alle 21,00,  nel salone d’onore di Palazzo Rota Pisaroni della Fondazione di Piacenza e Vigevano, si terrà la conversazione sul tema “Dalla medicina della persona al dottor Google in corsia – L’umanesimo scientifico nell’era della tecnoscienza”. Nell’ambito di … Per saperne di più

Napoli, standing Ovation per l’omaggio a Leonard Bernstein, al conservatorio San Pietro a Majella

Emozioni, musica bella, classe, raffinatezza, condivisione di energia, sono alcuni dei numerosi ingredienti che hanno caratterizzato il concerto “Una storia occidentale del XX secolo” dedicato a Leonard Bernstein in occasione del centenario della nascita, che si è tenuto venerdì 12 … Per saperne di più