Tag Archives: mostra

Napoli, Branding Dalì: il genio insolito, in esposizione a Palazzo Fondi

Foto di Salvatore Leandro Adamo

In esposizione a Palazzo Fondi (Napoli) un Dalì insolito, in un percorso di 150 opere provenienti dalla collezione privata di uno dei segretari dell’artista, oggi conservata dalla società francese Mix’s Art. In un suggestivo allestimento ideato da ART.URO Arte e Restauro, la mostra “Branding Dalí. La costruzione di un mito“,  a cura di Alice Devecchi, sarà ospitata dal 25 ottobre 2019 al 2 febbraio 2020 nello storico palazzo di via Medina 24

 

Branding Dalì non è una mostra come quelle che siamo abituati a vedere di solito. Il concept alla base dell’ esposizione va ben oltre la semplice presentazione al pubblico di opere pittoriche, il tema di fondo è la scoperta del “brand Dalì”: un marchio creato e interpretato dall’autore. Sì, perché Dalì ha lavorato tutta la sua esistenza all’elaborazione di icone riconoscibili e riproducibili. Ed il più riuscito dei suoi tentativi è forse proprio quello attuato sulla sua persona. I suoi “baffi antinietzschiani” sono la firma inconfondibile apposta sul proprio volto. L’artista diventa così un’opera d’arte vivente, inventa una maschera da indossare nella vita privata e pubblica.  Precursore della Pop Art, la sua operazione di brandizzazione  è incredibilmente efficace nel proporre uno stile e dei simboli inequivocabili: tutto passa attraverso un filtro ed il filtro è l’immaginario surreale di Dalì.

 

Branding Dalì propone un percorso volto a mostrare il processo di “dalinizzazione” attraverso l’esposizione di 150 opere provenienti dalla collezione privata di uno dei suoi segretari personali. Sono presenti oggetti brandizzati come piatti, bottiglie, locandine, e persino le mattonelle in terracotta dipinte per una piscina (La suite Catalane, 1954) . Tutto reca la firma inconfondibile dell’artista. Ma ciò che si evince proseguendo nel percorso è l’ossessione del genio catalano per la “riproducibilità” delle sue opere (come in Tauromachia surrealista, 1970), che diventano prodotti da lanciare sul mercato.

 

 Ampia circolazione delle opere vuol dire possibilità di commercializzazione

Dalì pubblicizza e sponsorizza se stesso, affascinato com’era dal denaro e dalla società dei consumi che si stava affermando. È la nascita di un re Mida moderno, che rende tutto ciò su cui è apposto il proprio marchio una fonte di visibilità.

 

Muovendo dal concetto di riproducibilità dell’immagine Dalì sceglie tecniche di moltiplicazione meccanica dell’immagine. Un esempio sono le illustrazioni xilografiche della Divina Commedia (1960-1963) esposta per intero, in cui Dante è proposto quasi come un eroe pop. Ogni canto è filtrato attraverso le ossessioni e le perversioni dell’autore, questa è la dalinizzazione.

La simbologia ha un ruolo di primo piano nella creazione del sistema simbolico daliniano. Nelle opere esposte ricorre la presenza della farfalla, simbolo di metamorfosi e rinascita, come in “Bandierine a forma di farfalla”, 1954, dedicato alla moglie Gala. Anche il tempo è rappresentato dalla mellifluità della lumaca e degli orologi molli, entrati ormai a far parte dell’immaginario comune.  Sempre legato alla potenza del simbolo è il “Bestiario di La Fontaine dalinizzato”, 1974.

 

Branding Dalì propone una prospettiva nuova sul genio surrealista, sul suo brand, sul suo essere in bilico tra la realtà e la follia. D’altronde la parola “brand” deriva dall’antico nordico “brandr” che significa “bruciare”. E chi meglio di Dalì ancora oggi può insegnarci quanto arde la creatività.

 

Silvia Barbato

 

 

Qualche informazione utile:

 

Branding Dalí. La costruzione di un mito
25 ottobre 2019 – 2 febbraio 2020
Palazzo Fondi – via Medina 24 – 80133 Napoli

Orari da martedì a domenica e festivi h 10-20 (la biglietteria chiude alle 19)
25 dicembre chiuso, 1 gennaio h 15-20
Biglietti Intero € 11 / Open e Fast Lane € 13
Ridotto € 9 over 65, ragazzi 11-15 anni / € 8 gruppi (min 15 max 25 pax) / € 6 universitari il mercoledì, scuole (min 15 max 25 pax) / € 5 bambini 6-10 anni (libero 0-5 anni), giornalisti con tesserino
Vendita on line su Vivaticket.it
Info e prenotazioni T 081 1809 8931
info@brandingdali.comwww.brandingdali.com– www.mostrenapoli.it

Napoli, al Maschio Angioino, continua il successo della mostra “La scuola di Posillipo: la luce di Napoli che conquistò il mondo”

A Napoli, nella Cappella Palatina situata all’interno del Maschio Angioino, è in corso la mostra “La scuola di Posillipo: la luce di Napoli che conquistò il mondo”. Inaugurata il 24 luglio, la mostra gratuita, curata dalla Dottoressa Isabella Valente (docente presso … Per saperne di più

Carife (AV), al Museo Archeologico, si apre la mostra “Non me la racconti giusta”

Giovedì 18 aprile, negli spazi del nuovo Museo Archeologico di Carife (AV), si apre la mostra fotografica dedicata al progetto di arte urbana nelle carceri italiane dal titolo “Non me la racconti giusta”, in collaborazione con il Museo Archeologico di Carife. Non … Per saperne di più

Napoli Film Festival Italia, inaugurata la mostra dedicata a Giuseppe Tomasi di Lampedusa

Venerdì 8 giugno, a Napoli, nel Salone d’Ercole di Palazzo Reale è stata inaugurata la mostra Giuseppe Tomasi di Lampedusa: un lettore europeo, curata da Gioacchino Lanza Tomasi e Josè Vincente Quirante. Il percorso dedicato all’autore della celebre opera  “Il … Per saperne di più

Piacenza, domani si inaugura la mostra dedicata al Guercino

Dal 4 marzo al 4 giugno, l’artista secentesco emiliano (Cento, FE, 1591 – Bologna, 1666), che in città ha lasciato importanti testimonianze, sarà celebrato con una serie d’iniziative di grande suggestione e di notevole rilevanza storico-artistica, che uniranno in un … Per saperne di più

Salerno, Ciro Fundarò presenta la mostra “Salerno in particolare – immagini del centro storico”

Lunedì 14 novembre (ore 17) a Palazzo Ruggi D’Aragona (via Tasso, Salerno), si terrà presso la sede della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Salerno ed Avellino, l’inaugurazione della mostra “Salerno in particolare – immagini del centro storico”, realizzato … Per saperne di più

Si terrà a Bonito (AV) “Impronte”, la mostra dedicata a Salvatore Ferragamo

“Impronte”, questo il titolo di un’inedita mostra, aperta al pubblico dal 28 luglio al 31 agosto 2016, allestita presso il Convento Francescano di Sant’Antonio nel cuore di Bonito, paese natale di Salvatore Ferragamo. Cinque artisti a confronto con l’arte di … Per saperne di più

Roma, alla Silber Gallery, si terrà la mostra “Comédie humaine”

Mercoledì 17 febbraio, presso la  Silber Gallery di Roma si terrà il finissage della mostra di Maria Luisa Belcastro Schneidersitz che, dopo aver tenuto personali a San Paolo del Brasile, Milano, Toronto, Palma di Maiorca, Miami, Barcellona e New York, … Per saperne di più