Tag Archives: Classico Contemporaneo

Classico Contemporaneo: “Anch’io mi chiamo G” omaggio a Giorgio Gaber

foto Davide Pisani

Nella serata del 17 agosto, approda a Classico Contemporaneo:  “Anch’io mi chiamo G” Con Maurizio Murano e la sceneggiatura e direzione artistica di Michele Bonè, Giorgio Gaber rivive nel Chiostro di San Domenico Maggiore di Napoli.

In un contesto intimo e raccolto che calma l’animo dello spettatore e concentra la sua attenzione sulla scena, Maurizio Murano compare sul palco nelle vesti di Gaber.

Non è il solito spettacolo di commemorazione, ma piuttosto una dedica sincera e un inchino, a chi ha fatto la storia del panorama musicale italiano.

Sono stati riproposti tutti i più grandi successi del cantautore milanese, da “La solitudine” a “La libertà”, per poi passare a “Quello che perde pezzi” fino a “Barbera e Champagne” con il quale è stata chiusa la serata. Tra i vari brani, vengono interpretati anche alcuni dei più famosi monologhi del cantautore milanese. Le pièces, ricche di espressione e coinvolgimento, sono state capaci di emozionare il pubblico e farlo ridere nel momento giusto, grazie anche all’ottima interpretazione.

Insomma, libertà, espressività, talento: le tre parole chiave della serata. Sul palco erano presenti anche Michele Bonè, che accompagnava la chitarra di Gennaro Esposito. I due hanno fatto da accompagnatori perfetti alla maestria di Murano. Si nota fin da subito il duro lavoro che ha preceduto la messa in scena e di come sia stato difficile salire sul palco con il peso del nome da rappresentare. Ma, in maniera sincera, possiamo liberamente affermare che tutto il lavoro è visibile sul palco e che Maurizio Murano ha omaggiato Gaber in maniera perfetta. È stato possibile vederlo con il pubblico (di tutte le età), il quale è stato rapito fin da subito, cantando ogni pezzo a memoria.

È un’emozione unica ritrovarsi in un contesto artistico dove lo spazio tra palco e pubblico si annullano grazie alla maestria dell’attore. Tutti vengono uniti in un unico coinvolgimento emotivo che li accomuna, e per questa serata, tutto esalta Giorgio Gaber. Persino i più giovani hanno avuto la possibilità di conoscere una parte della produzione del cantautore, che negli anni successivi ha influenzato gli artisti a venire. Per adempiere al fine di Classico Contemporaneo, le parole dei monologhi, come in questa serata, dovrebbero essere riprese e riportate nei contesti sociali che viviamo ogni giorno, estrapolando significati che apparentemente non appaiono. Ma, per essere più espliciti potremmo dire che: “C’è una fine per tutto e non vuol dire che sia sempre la morte”, che nel contesto sociale in cui viviamo, non può che essere la frase più adatta.

 

Roberta Fusco

Napoli, al via Classico Contemporaneo, con lo spettacolo “Dai Cortili alle Corti”

Prende il via  la terza edizione di “Classico Contemporaneo”: 14 giorni di programmazione consecutiva, dal 17 al 30 agosto 2016, 13 spettacoli, 4 debutti assoluti, e ben 9 spettacoli presentati per la prima volta a Napoli. Quest’anno, la rassegna si apre … Per saperne di più

Napoli, al Chiostro di San Domenico Maggiore, Tina Femiano in “Anime Dannate”

  Parte la seconda edizione di Classico Contemporaneo, la rassegna teatrale inserita nell’ambito dell’estate a Napoli ed organizzata dal Teatro dell’Osso con la direzione artistica di Gianmarco Cesario e Mirko Di Martino, che sarà ospitata per due settimane al Chiostro … Per saperne di più