Tag Archives: martin freeman

Martin Freeman al Giffoni: non conosco il cinema italiano contemporaneo

001_19

Foto Giuseppe Panza

Accompagnato dalla moglie e dai figli, Martin Freeman ha fatto il suo ingresso, nella cittadella di Giffoni,  in tarda mattinata. Il primo incontro con i ragazzi che lo attendevano, al  Meet&Greet, per salutarlo e fargli domande. I fans entusiasti e per nulla scoraggiati dall’infernale afa che avvolge Giffoni dall’inizio della manifestazione, lo hanno aspettato per ore sotto il sole, fino al suo arrivo.

Sono d’accordo con la filosofia del Carpe diem, tema di questa 45esima edizione del festival di Giffoni. Cerco, nella mia vita, di fare quello che mi piace  e quello che mi sento di fare. Ed è quello che mi sento di consigliare a tutti: non fatevi condizionare dagli altri. Ognuno di noi dovrebbe fare le proprie scelte liberamente. Mi rendo conto, però,  che non sempre è possibile.” Ha detto Freeman, rispondendo ad una delle domande dei giornalisti.

Freeman ha interpretato molti ruoli, tra i quali Bilbo Baggings nello “Hobbit”, il dottor Watson nella serie televisiva britannica “Sherlock Holmes”.

“Mi piacerebbe lavorare, un giorno, con Steven Spielberg che è uno dei miei registi preferiti. Ho sempre amato il suo modo di fare cinema e le storie che racconta.

003_19

Foto Giuseppe Panza

Personalmente, infatti, tendo a fare questo lavoro proprio perché amo le storie raccontate. Se una storia che mi propongono, mi piace, allora accetto, senza pensare ad altro.”

L’attore inglese, che ha in programma un nuovo film dal titolo “Fun House” (una commedia ambientata in Afghanistan, che non racconta fatti di guerra ma scene di vita quotidiana)  ha ammesso di non conoscere il cinema contemporaneo italiano, ma di essere rimasto a quello degli  anni ‘50 – ’60 e di amare, in particolare, proprio l’estetica e lo stile di quel cinema.

Giustina Clausino