Napoli, al via la rassegna “Ciak… si Gezza!”, un viaggio nello swing italiano

Views: 49

Presso il CineClub di Materdei, luogo suggestivo e dal “fascino retrò” nel centro di Napoli, si svolgerà una manifestazione di grande interesse culturale, musicale e artistico in cui la storia cinematografica si unisce a quella del jazz: “Ciak… si Gezza!”, un viaggio nello Swing italiano che partendo dagli anni ’40, attraversa il manouche e si conclude negli anni ’50-’60.

La rassegna, in collaborazione con Passioni di Napoli, nasce dal progetto “Sing ‘O Swing”, fondato nel 2018 da Andrea Parente, studioso e appassionato dei contesti socio-culturali del mondo del jazz, con la finalità di tener viva la cultura dello swing italiano degli anni Quaranta, con ricerche, diffusione, performance musicali con un repertorio che si estende da standard del jazz americano al manouche e alle “canzonette” che hanno illuminato gli anni bui della storia italiana del Novecento, il tutto inframezzato da storytelling.

Il programma della rassegna “Ciak… si Gezza!”, a cui partecipano eccellenze del panorama musicale italiano, è variegato e molto interessante sia per gli appassionati di cinema, storia, musica e arte, sia per chi desidera assistere ad uno spettacolo piacevole e accattivante.

Sabato 16 marzo si apre con l’evento “Totò e Barzizza: lo swing italiano degli anni 30-40”che prevede due momenti:

ore 19,00 esperienza cultural-gastronomica a cura di Passioni di Napoli;

ore 20,30 spettacolo con Andrea Parente chitarra voce e storytelling, Federica Cardone voce e Giulio Martino sassofono.

Si tratta di un incontro artistico tra Antonio de Curtis, in arte Totò, e la famiglia Barzizza (Pippo e Isa) che ha prodotto perle cinematografiche come “Miseria e nobiltà”, “Il medico dei pazzi”, “Un turco napoletano”, “Figaro qua Figaro là”.

I Sing ‘O Swing li omaggeranno con l’esecuzione di famose “canzonette” dello swing italiano degli anni ’40, composte dirette dal maestro Pippo Barzizza.

Il 20 aprile si svolgerà: “Mezzanotte a Parigi: il jazz manouche di Django Reinhardt”:

ore 19,00 esperienza cultural-gastronomica a cura di Passioni di Napoli;

ore 20:30 inizio dello spettacolo con Andrea Parente chitarra, voce e storytelling, Oscar Montalbano, chitarra solista e Nico Conte, fisarmonica.

Questa volta il riferimento cinematografico è il celebre film di Woody Allen “Midnight Paris” ambientato negli années folles (’20) della capitale francese che gli artisti omaggeranno con le musiche di Django Reinhardt ed Edith Piaf.

La rassegna si chiude il 18 maggio con il seguente evento: “Il boom economico: lo swing italiano degli anni ‘50-‘60”:

Ore 19:00 esperienza cultural-gastronomica a cura di Passioni di Napoli;

Ore 20:30 inizio dello spettacolo con i seguenti protagonisti: Andrea Parente, chitarra voce e storytelling, Federica Cardone, voce ed Emanuele Palomba, clarinetto.

Questa volta si torna in Italia, quella del boom economico del dopoguerra, di cui la canzone “Nel blu dipinto di blu” di Domenico Modugno ne diventa il simbolo. I Sing ‘O Swing la descriveranno con le esecuzioni delle più famose “canzonette” swing dell’epoca (anni ’50-’60), successi di Renato Carosone, Fred Buscaglione e Nicola Arigliano.

Si tratta dunque di una rassegna imperdibile e ricca di emozioni con cui, attraverso la musica, si potrà ripercorrere momenti importanti della storia italiana e internazionale del ‘900.

La dedizione, la passione e, naturalmente, la bravura dei Sing ‘O Swing sono state premiate dal successo riscosso nei diversi spettacoli che hanno svolto: nel luglio del 2022 partecipazione alla rassegna “Le sere del MANN. Giovedì tra arte e sapori” con lo spettacolo Il mito del Jazz in Italia e alla 34esima edizione del Gezziamoci, il prestigioso festival dell’Onyx Jazz Club di Matera, con lo spettacolo Django & Stèphane di nuovo insieme; nel 2023, hanno partecipato alle commemorazioni dell’ottantesimo anniversario de “Le Quattro Giornate di Napoli” con lo spettacolo L’Italia degli anni Quaranta, tra guerra e canzonette, svolto alla Galleria Borbonica e patrocinato da Renzo Arbore, e infine hanno inaugurato al Teatro Salvo D’Acquisto l’anno accademico 2023-24 della Fondazione Humaniter di Napoli con lo spettacolo Il lungo viaggio del Jazz. Stati Uniti-Francia-Italia: alla ricerca di tutte le sfumature dello Swing.

Per informazioni e prenotazione obbligatoria: 3396304072

www.passionidinapoli.it

Daniela Vellani

Print Friendly, PDF & Email