Viareggio, alla Villa Paolina, il Gran Ballo dell’800 aprirà il 65° Puccini Festival

È proprio un grande incontro quello che si terrà il 9 ed il 10 agosto tra la Compagnia Nazionale di Danza Storica di Nino Graziano Luca e il Festival Puccini di Torre del Lago, il più importante festival lirico d’Italia, l’unico al mondo dedicato al compositore Giacomo Puccini che si svolge proprio nei luoghi che  ispirarono le sue immortali melodie. Il 9 agosto, infatti, alla Villa Paolina di Viareggio si terrà il Gran Ballo dell’800; il 10 agosto, invece, il Gran Ballo aprirà le danze ed a seguire si terrà la Bohème con Angela Gheorghiu con la Regia di Alfonso Signorini. Nato nel 1930, il Festival Pucciniano con gli anni è diventato un appuntamento che richiama migliaia di spettatori provenienti da tutto il mondo per ascoltare le più grandi stelle della lirica, sotto la direzione di importanti direttori d’orchestra ed ammirare straordinari allestimenti curati dai più famosi registi dei capolavori pucciniani.  Le opere di Puccini vanno in scena in un grande teatro all’aperto di 3.400 posti, in riva al lago di Massaiuccoli, circondato dal verde proprio davanti alla Casa Museo del maestro Puccini dove sono custodite le spoglie del musicista e dove si possono ammirare reperti e cimeli della vita e della gloriosa vicenda artistica di Puccini.

Un Festival immerso in una natura mozzafiato che parla di amore – per la Vita e per il Bello-, di passioni, che esalta la migliore cultura italiana nella consapevolezza che il passato può aiutarci moltissimo a vivere meglio il presente ed il futuro.
Fatte queste considerazioni, la Compagnia Nazionale di Danza Storicadiretta da Nino Graziano Luca merita questo Festival e questi luoghi, non solo per il curriculum (che la vede reduce da numerosi successi internazionali, dallo spettacolo con Roberto Bolle alla Pinacoteca Ambrosiana di Milano, dalle esibizioni in Cartellone allo Sferisterio di Macerata, a Taormina Arte), ma lo merita in quanto, da sempre, non è solo una compagnia di danza: è soprattutto un modo di essere.
È l’espressione dell’amore per la vita e le sue passioni, dell’arte della speranza, dell’amore per il Bello, ponendo la massima attenzione al rapporto armonico tra uomo-natura e uomo-cultura, il tutto all’interno di un paradigma di lettura della tradizione e del passato in costante, proficuo dialogo con l’attualità e la contemporaneità.
Il recupero del passato in Compagnia Nazionale di Danza Storica non cede mai il passo ad una lettura romantica e nostalgica della storia e dei fatti ma li ri-significa nel presente, senza perdere di vista gli ideali base della Civiltà europea.
Ogni Spettacolo, ogni Gran Ballo, non ripropone dunque solo un sapere di tempi lontani ma tende a condividere principi e valori dal cui rispetto dipende anche il nostro presente ed il nostro domani.

L’omaggio alla grande Opera, all’Operetta ed al Balletto prevederàGianni Schicchi – O Mio Babbino Caro (Circle Waltz); La Boheme – Quando m’en vo; Aida – Marcia Trionfale; La Traviata – Valzer;  Rigoletto – Questa o Quella; Il Pipistrello – Quadrille 2, 3, 4, 5; Il Fazzoletto di Pizzo della Regina – Rose dal Sud; Coppelia – Valzer delle Ore.
 Il viaggio nell’Unione Europea della Danza Storica ci porterà dall’Austria, alla Francia, dall’Italia all’Inghilterra e la Russia con: Fächer Polonaise; Contraddanza dal Gattopardo; Mazurka dal Gattopardo; Hole in the Wall; The Comical Fellow; Mr Beveridge’s Maggot; St. Bernard Waltz; Moscow Polka; Musen Polka I Lancieri – Debut Quadrille; Russian Figure Waltzny; Radetsky March.

65° Puccini Festival
La COMPAGNIA NAZIONALE DI DANZA STORICA
incontra LA GRANDE OPERA

9 AGOSTO – ORE 20 – VILLA PAOLINA, VIAREGGIO
GRAN BALLO DELL’800
Maestro di Cerimonia Nino Graziano Luca

10 Agosto –TORRE DEL LAGO PUCCINI – GRAN TEATRO ALL’APERTO
GRAN BALLO e a seguire LA BOHÈME
con ANGELA GHEORGHIU (Mimì) – Regia di Alfonso Signorini
Regia del Gran Ballo di Nino Graziano Luca