Napoli in festa per lo spettacolo: “Sanità ta’ ta’. Musica e cultura nel cuore della città”

unnamed-5

Il giorno dell’Immacolata, facendo una passeggiata alla “Sanità”, ci si è trovati di fronte all’imbarazzo della scelta tra attività culturali e sociali di ogni genere. Il noto quartiere napoletano era in festa. Tra negozi illuminati, bancarelle, decorazioni, musica, spettacoli di ogni tipo e soprattutto numerosissime persone sorridenti di ogni età e ceto sociale, si stava svolgendo la manifestazione Sanità ta’ ta’” Musica e Cultura nel cuore della città.

Si è trattato di una importante kermesse organizzata dalla Terza Municipalità di Napoli che ha ricevuto la collaborazione attiva di commercianti, associazioni e abitanti del quartiere. L’obiettivo è quello di mettere in evidenza le risorse e le positività di una zona di Napoli che sta vivendo un importante momento di riscatto culturale e sociale. Per l’occasione sono state organizzate visite guidate nei numerosi siti d’interesse storico-archeologico, sono state realizzate installazioni d’arte, è stato possibile effettuare un tour in bicicletta promossa dall’ associazione Napoli Pedala, con partenza dalla Galleria Principe di Napoli e arrivo al Cimitero delle Fontanelle, dopo aver attraversato il Borgo dei Vergini e via Sanità. Si sono messe in risalto le ricchezze gastronomiche e artigianali, così come laboratori di vario tipo tra cui quelli di terapia artistica. Le numerose chiese monumentali e ricche di opere d’arte e di storia si sono vestite a festa e sono stati allestiti ben sei palcoscenici in diversi punti strategici dove contemporaneamente, in una maratona coinvolgente, allegra e anche itinerante, si sono svolti spettacoli di ogni genere: teatro, cabaret, concerti di musicisti come O’ Zulù e Massimo Jovine, i 99 Posse, Franco Ricciardi, Ivan Granatino, E’ Zezi, Oyoshe Peppoh e altri. Nella basilica di Santa Maria della Sanità ha avuto luogo la toccante esibizione dei giovani musicisti dell’Orchestra Sanitansemble che insieme al coro Musique Esperance e Note legali, hanno eseguito brani natalizi ed il loro intero repertorio, compresa “Era de Maggio” interpretata da Giuditta Simonetti.

Tra le varie performance, particolarmente coinvolgente vivamente è stato lo spettacolo di Antonella Monetti, in arte Dolores Melodia che si è esibita in due palcoscenici e momenti diversi. La brava, disinvolta e simpatica cantante, orgogliosa della Sanità, quartiere in cui vive, si è esibita in trio. Ha cantato e suonato la fisarmonica assieme al musicista spagnolo M° Alexandre Celdà Belda al basso tuba e al trombettista Ciro Riccardi. I tre sono stati applauditi da un pubblico progressivamente sempre più numeroso attratto dalla bella musica e dal bel canto. Con fare molto affabile e familiare, hanno coinvolto i presenti di ogni età, compresi bambini dall’espressione incantata, eseguendo svariate canzoni della tradizione napoletana. Ci sono stati momenti emozionanti ed allegri e il pubblico si è sentito parte dello spettacolo con una partecipazione attiva nel canto e nel ritmo.

Non è la prima volta che nel quartiere della Sanità si svolge una manifestazione culturale di questa portata e sicuramente se ne effettueranno ancora.  C’è voglia di legalità e di evidenziare la moltitudine di positività presenti, spesso purtroppo oscurate dalla cronaca. Tantissimi sono le associazioni e gli abitanti volenterosi e alacri che, con il loro impegno e le loro attività oneste, stanno contribuendo a mettere in atto una rivoluzione culturale, sociale ed economica, proficua e preziosa per l’intera città di Napoli.

 

Daniela Vellani