Napoli, l’I.C. Nevio presenta il progetto “Un po’ di luce per uscire dall’ombra”

foto scuola vellaniAlla presenza della Dirigente scolastica Maria Loreta Chieffo dell’I.C. Nevio, dell’assessore alla scuola del Comune di Napoli Annamaria Palmieri e del presidente della decima municipalità di Napoli Diego Civitello, il 13 giugno 2016 si è svolta la manifestazione di inaugurazione delle “scale” grazie al progetto “Un po’ di luce per uscire dall’ombra”. Nell’ambito della manifestazione sono state consegnate le scale di Torre Cervati alla cittadinanza.

Il luogo grazie all’impegno profuso dagli alunni e dai docenti che hanno realizzato il progetto, Patrizia Antonucci, Antonella Cardea, Giovanna Casola, Carmelina La Fauci, Maria La Marca, Teresa Lattes ed Elvira Tortoriello si è trasformato magicamente e da pericoloso ricettacolo di immondizia è diventato accogliente e grazioso.

Ciò che va sottolineato è che oltre al lavoro di pulizia e bonifica, il posto è stato arricchito da oggetti e manufatti creati dai ragazzi con materiale di riciclo. Così cassette di legno della frutta buttate via sono diventate variopinte fioriere poste sui muri delle scale, copertoni abbandonati per strada sono diventati contenitori di piante, doghe di letti, anch’essi trovati tra l’immondizia, sono diventati matitoni colorati che indicano i bidoni in cui riporre l’immondizia differenziata e non, anch’essi decorati dalle abili mani creative dei ragazzi e dei loro docenti. Non sono mancate “perle di saggezza” o meglio belle citazioni apposte su targhe realizzate dai ragazzi nel laboratorio di ceramica della scuola e i buchi sul tufo sono stati coperti da piccole grate dipinte.

Si è trattato di un progetto molto interessante ed educativo perché presenta un’infinità di ricadute culturali e sociali: rispetto dell’ambiente, senso civico, responsabilità, sollecitazione della creatività e delle capacità ideative, manualità, conoscenza ed utilizzo di qualsiasi tipo di materiale da poter riciclare al fine di realizzare manufatti originali e belli, socializzazione.

Un pubblico numeroso è accorso alla manifestazione durante la quale non solo si è potuto ammirare quanto realizzato, ma sono state effettuate anche performance musicali con un ensemble di piccoli percussionisti guidati dal professor Michelangelo De Luca, azioni sceniche di danza e lettura di versi da parte dei ragazzi con cui è stato presentato in rima il progetto.

Il pubblico è stato accolto anche da un buffet offerto dalla pizzeria “La notizia” di Enzo Coccia, presente anche lui alla manifestazione. Lungo il vialetto adiacente alle scale, la Ludoteca Mela Gioco, uno degli sponsor del progetto, ha messo a disposizione ai ragazzi giochi dal sapore antico, quindi finalizzati al recupero delle tradizioni napoletane. Gli altri sponsor del progetto sono stati La Ferramenta Caravaggio, la Cartoleria “L’incanto” e G. Flora Design, esercizi che si sono messi a disposizione creando così una interessante sinergia tra scuola e territorio che si spera possa sempre più ampliarsi, contribuendo a migliorare la città in tutti i suoi angoli. Si tratta di iniziative che se coltivate, amplificate e seguite con costanza, rendono i cittadini, a partire dai bambini, maturi e provvisti di senso civico. Il contributo di ognuno, anche semplicemente con un comportamento corretto e responsabile, può dare lustro ad una città bella e antica in cui è in atto una silenziosa rivoluzione culturale.

 

Daniela Vellani