Premio Bianca d’Aponte, Gaetano d’Aponte presenta le dieci finaliste dell’XI edizione

 

003

Gaetano d’Aponte, foto Giuseppe Panza

“Spero in un mecenate che si innamori di Bianca e della sua storia, in modo che possa adottare il Premio Bianca d’Aponte e farlo crescere sempre di più. Siamo sbarcati a Barcellona, con il Premio Bianca d’Aponte International, a marzo di quest’anno, grazie all’associazione Cose di Amilcare e al Premio Tenco, saremo a Sanremo il 19 dicembre 2015, a dimostrazione che il nostro premio sta crescendo con le nostre sole forze, abbiamo un respiro nazionale e internazionale, potremmo essere un motivo di prestigio e un’occasione di volano economico se avessimo più risorse, ma quando si tratta di interventi di sostegno economico, la regione Campania e gli altri Enti locali sono sempre assenti.”
Ci dice Gaetano d’Aponte, amareggiato ma determinato a portare avanti il suo progetto, unico in Italia: un premio riservato a sole cantautrici, e dedicato a sua figlia Bianca, giovane cantautrice scomparsa 12 anni fa.

 

Il Premio Bianca d’Aponte è giunto all’XI edizione, sono appena stati resi noti i nomi delle 10 finaliste che, il 16 e il 17 ottobre, saranno protagoniste della manifestazione canora che si terrà ad Aversa, presso il Teatro Cimarosa. Rossella Aliano di Catania con “Sangue”; Amelie (Paola Memeo) di Milano con “Che cosa c’è”; Priscilla Bei di Roma con “Ulisse”; C.F.F. ( Anna Maria Stasi e Anna Surico) di Bari con “La frana”; Grazia Cinquetti di Parma con “L’alta marea”; Irene Ghiotto di Vicenza con “La filastrocca della sera”; Helena Hellwig di Milano con “Come Marylin morrò”; Francesca Incudine di Enna con “Di notti nasciunu i canzuni”; Giulia Olivari di Bologna con “Riso e sangria”; Francesca Pignatelli di Taranto con “Sbaglio”.
Madrina dell’XI edizione sarà Ginevra Di Marco, cantante toscana dalla voce e dall’ animo passionale, con una ricca e interessante storia alle spalle, a partire dagli inizi, quando nel 1993 incide “Ko do mondo” con il C.S.I (Consorzio Suonatori Indipendenti).

La direzione artistica, ormai consolidata, è di Fausto Mesolella. Altri ospiti e sorprese ci attenderanno alla prossima edizione del Premio Bianca d’Aponte.
La magia di Bianca continua…

G. Clausino