Napoli, il grido degli scioperanti: “Contro un ddl che distrugge la scuola e la democrazia”

IMG-20150505-WA0004

5 maggio 2015: Sciopero generale della scuola, in tutta Italia.

Mobilitazione generale  e adesione totale anche  a Napoli, come in tutto il resto del Paese. Piazza Plebiscito invasa da insegnanti e studenti, tutti uniti contro la riforma “La buona scuola” voluta dal governo di Matteo Renzi. Striscioni e cori, tutti all’unisono:  “Contro un ddl che distrugge la scuola e la democrazia, contro il jobs act che prende per la fame dei poveri cristi”, un grido di protesta unitario che non si vedeva da anni in Italia.”

Anche i sindacati di categoria più importanti (Flc-Cgil, Uil, Cisl, Snals Confsal, Gilda) di solito divisi, questa volta  combattono dalla stessa parte.

IMG-20150505-WA0003

Malumore e indignazione tra gli scioperanti, ma anche determinazione e orgoglio.

“Molti genitori si stanno organizzando per occupare, al posto dei propri figli,  le aule scolastiche il 6 e il 7 maggio, giorni previsti per le prove Invalsi. Un’altra forma di protesta atta a scuotere gli organi di potere” , ci dicono alcuni manifestanti, presenti in piazza a Napoli.

IMG-20150505-WA0000