Nuovo Teatro Sanità presenta: “Assaggi d’assurdo” dei Fools

Hits: 92

ntS’ | Nuovo Teatro Sanità
 
presenta 

“Assaggi d’assurdo”


con

Luigi Orfeo e Stefano Sartore

ideazione e regia 

Fools

Musiche Giorgio Bevilacqua (live al contrabbasso)

scene e costumi Riccardo Puccini
assurdo

Sul palco di piazzetta San Vincenzo alla Sanità, la programmazione prosegue dando ancora spazio ai giovani: da venerdì 20 a domenica 22 febbraio, è in scena lo spettacolo “Assaggi d’assurdo” della compagnia teatrale torinese “Fools”. Un’unione, quella tra Napoli e Torino, rappresentata dagli stessi attori protagonisti, Luigi Orfeo e Stefano Sartore, che, seppure nati nelle due diverse città, collaborano stabilmente dal 2005, fondendo le loro esperienze in una poetica teatrale che va dall’improvvisazione al cabaret, dalla recitazione in versi alla commedia dell’arte e ottenendo numerosi successi e riconoscimenti nel corso degli anni. Esperienze e contaminazioni teatrali che hanno contribuito alla realizzazione di “Assaggi d’assurdo”, in cui il filo conduttore è proprio la comicità folle e paradossale. E a proposito del loro lavoro teatrale, i Fools spiegano: Le acrobazie verbali sono l’unico orpello dell’allestimento. Lavorando a questo spettacolo è stato divertente trovare una chiave comica anche a Beethoven, inframezzare Pachelbel col Pop, citare musiche da film famosi in contesti completamente diversi. La musica segue il ritmo del parlato, creando ambienti, contesti e scenografie sonore. Risponde a tono agli attori, li contesta, li sostiene e spesso, in alucni momenti d’ improvvisazione, li spiazza“.
Stefano Sartore e Luigi Orfeo diventano in questo spettacolo dei “fools” a tutti gli effetti: da persone serie e imperturbabili si trasformeranno in folli comici capaci di capovolgere la realtà e di trasformare il senso in non-senso, tramutando la serierà quotidiana in ironia poetica, la gravità della vita in leggerezza fluttuante dell’arte: tutto questo sarà possibile grazie al potere creativo delle parole e alla forza magica ed evocativa delle musiche che accompagneranno le azioni sceniche dei due folli interpreti.

Note di regia

Due uomini in cilindro venuti da Chissadovve: parlano in modo strano, stracciano la lingua, cucinano le parole, soffriggono l’ironia e dolcificano l’amaro: letteratura, chitarra, teatro, calze, musica, cilindri, drammi, ironie, storia, panciotti, sketch, noccioline, papillon, scienza, violino e bambole. Passaggi, assaggi e messaggi di comicità assurda, in scena due attori: Stefano Sartore e Luigi Orfeo. Eleganti, seri ed imperturbabili ma colpiti da improvvisi lampi di imbecillità!

Le acrobazie verbali sono l’unico orpello dell’allestimento, la spettacolarità viene generata dall’abilità del musicista e dalle capacità interpretative dei due attori.
Lavorando a questo spettacolo è stato divertente trovare una chiave comica anche a Beethoven, inframezzare Pachelbel col Pop, citare musiche da film famosi in contesti completamente diversi. La musica segue il ritmo del parlato, creando ambienti, contesti e scenografie sonore. Risponde a tono agli attori, li contesta, li sostiene e spesso, in alucni momenti d’ improvvisazione, li spiazza.

PROGRAMMAZIONE:

20 e 21 FEBBRAIO ore 21.00
22 FEBBRAIO ORE 18.00
Durata: 1h e 15 min.
Info e prenotazioni a 3396666426 oppure www.nuovoteatrosanita.it – info@nuovoteatrosanita.it
Nuovo Teatro Sanità, piazzetta San Vincenzo 1, Rione Sanità – Napoli.
Print Friendly, PDF & Email