Caserta: sarà dedicata a Mesolella la 45^edizione di “Settembre al Borgo”

La conferenza stampa che si è tenuta venerdì 21 luglio ha fatto tirare un sospiro di sollievo ai giornalisti e agli operatori del settore che da due anni avevano registrato l’assenza dal panorama casertano di Settembre al borgo, fermo all’edizione del 2014. Alle 11:30, nella Sala Giunta del  Comune di Caserta, è stato presentato dal Sindaco Marino, con l’assessore agli eventi, tutti i rappresentanti istituzionali e dalla Camera di Commercio e Confindustria, il programma per la 45a edizione di “Settembre al borgo”.

I cinque giorni della manifestazione, da sabato 2 a mercoledì 6 settembre, saranno tutti dedicati allo scomparso artista casertano Fausto Mesolella, al borgo di Caserta Vecchia. Presente, alla conferenza, l’amico Massimo Lopez che lo ricorderà alla giornata di chiusura della manifestazione, leggendo alcuni suoi testi. Caserta Vecchia si trasformerà nel “borgo delle chitarre” e saranno presentati pezzi inediti del cantautore, del vinile “Taxidi”.

Casimiro Lieto sarà il direttore artistico, ripetendo l’esperienza di altre edizioni storiche. Qualcosa sembra risollevarsi nella gestione e nel risveglio culturale della città, ma la strada è ancora in salita. Il festival si terrà grazie ad un finanziamento della regione di 175mila euro, somma che appare comunque inadeguata per la portata dell’evento, finanziato per la prima volta dal Comune di Caserta. Sulla T-SHIRT di Casimiro leggiamo “Volontario di Settembre al borgo”, frase che, da sola, la dice lunga su come dovrà essere gestita l’imminente edizione; lo stesso direttore artistico specifica che il cartellone si è allestito con la partecipazione degli amici di Fausto, che, fortunatamente, sono tanti. Questa edizione vede un’altra novità: gli eventi saranno tutti gratuiti.

Accanto a Massimo Lopez avranno posto artisti del calibro di Teresa De Sio, Eugenio Finardi, Ron, Francesco Baccini, Raiz e Marco D’Amore. Chiuderà, nell’ultima serata, Alessandro Mannarino. Nota che appare decisamente stonata: l’assenza degli Avion Travel.

 

Di seguito il calendario per ora in programma:

Sabato 2 settembre:

Al Duomo Raiz, leader degli Almamegretta;

Marco D’Amore con un’esibizione fra teatro e letteratura;

Mariemma Porto e Salvatore Biondi sulle note di un “classico” del chitarrista casertano,

proiezione del film “Suonerò fino a farti fiorire” ispirato ad uno degli ultimi album di Mesolella;

esibizione dei Nantiscia, gruppo di musica popolare;

in piazza Vescovado chiude la giornata Teresa De Sio.

 

Domenica 3 Settembre

Mattina:

piazza Vescovado il gruppo folkloristico Taranterrae;

nel Duomo un’ intervista impossibile della giornalista Francesca Nardi alla Contessa di Caserta Siffridina.

Pomeriggio:

in Piazza Vescovado il violinista Alessandro Quarta e i Bottari della Cantica Popolare;

nel Giardino della Cattedrale il fado portoghese con Marco Poeta ed il chitarrista casertano Luca Mantovanelli;

nel Duomo il mandolinista israeliano Avi Avital;

in Piazza Vescovado Peppe Voltarelli, il cantautore napoletano Joe Barbieri e la voce di Nunzia Carrozza e per finire Eugenio Finardi.

 

Lunedì 4 settembre:

nel Giardino della Cattedrale  la chitarra e il flamenco di Daniele Bonaviri e Lello Panico con il suo blues;

nel Duomo la chitarra di Armando Corsi, Michele Ascolese ed Antonio De Innocentis e le “note tra le righe” della Compagnia della Città – Fabbrica Wojtyla;

in Piazza Vescovado Mario Incudine, il duo folk Ilaria Graziano & Francesco Forni e il  calabrese Antonio Pascuzzo. Chiude la serata Francesco Baccini con un omaggio a Luigi Tenco.

 

Martedì 5 settembre:

“Cinque chitarre”:  nel Giardino della Cattedrale  Alessandro Chimienti e Pietro Condorelli, nel Duomo Corrado Sfogli della Nuova Compagnia di Canto Popolare,  Alessandro Finazzo della Bandabardò e Andrea Castelfranato;

In Piazza Vescovado concluderà la serata Ron.

 

Mercoledì 6 settembre:

Nel Duomo presentazione del vinile di inediti di Fausto Mesolella, intitolato “Taxidi”;

passo a due della Arabesque Dance Company di Annamaria Di Maio;

lettura dei testi di Mesolella, affidata di Massimo Lopez, accompagnato da Franco Mantovanelli e Ferdinando Ghidelli;

In piazza Vescovado alle 21.30 si esibirà Alessandro Mannarino.

Lucia Dello Iacovo