Vincenzo De Simone vince la 1^ edizione del concorso “Scrivi una canzone”

romano 2

 

Venerdì 13 novembre, nel teatro della chiesa “Santa Maria Della Libera” a Napoli, si è svolta la premiazione della Prima edizione del concorso “Scrivi una canzone” organizzato da STUDIO 52 di Paolo Rescigno e dall’associazione Fabrizio Romano Onlus. Alla serata, condotta da Gabriella Romano, erano presenti tutti i componenti della commissione che ha valutato i lavori pervenuti, numerosi ospiti, diversi partecipanti al concorso ed un pubblico numeroso. Tutto si è svolto in modo molto piacevole, raffinato e nei tempi giusti. Tra le diverse assegnazioni dei premi, gli ospiti si sono esibiti coinvolgendo il pubblico con famose canzoni di musica leggera, classica napoletana, qualche richiamo al jazz, simpatici sketch ed emozioni. La serata è stata aperta dal noto autore Mimmo di Francia che si è esibito in un medley di suoi successi resi famosi da Peppino Di Capri, Francesco Calabrese, Roberto Murolo, Fred Bongusto e Renzo Arbore, che hanno riacceso tra il pubblico emozionanti déja vu, tra cui “Balliamo”, “Ammore Scumbinato”, “Incredibile voglia di te” e tante altre, conclusa con una coinvolgente “Champagne”.  Al termine della performance c’è stata la proclamazione del terzo premio, che è stato assegnato a Daniela Vellani con il testo “Una telefonata mai fatta”. La targa, l’attestato e lo spartito della musica che ha trasformato la poesia in canzone sono stati i premi consegnati da Mimmo Di Francia alla vincitrice e subito dopo la cantante Marisa Portolano ha interpretato la canzone accompagnata dal M° Paolo Rescigno al pianoforte. È  arrivato il momento del secondo ospite, Mario Maglione, noto cantante della tradizione musicale napoletana, che si è esibito in “Indifferentemente” e “Voce ‘e notte”, assieme alla bella voce del sax del M° Tony Iglio e del pianoforte di M° Paolo Rescigno. Subito dopo sul palco è salito il M° Gianni Festinese, altro gradito ospite, che ha allietato la serata con note e divertenti canzoni divertenti della tradizionale  macchiettistica napoletana di Armando Gill, a cui ha partecipato anche il pubblico avendo subito riconosciuto le diverse canzoni proposte, tra cui “Tarantelluccia”. È  arrivato il momento dell’assegnazione del premio della critica conferito a Salvatore Velgara con il testo “Accussì Napule”. Si è creato un momento magico sul palcoscenico, allorché la brava e raffinata Marisa Portolano, si è esibita con “Tu che mi ha preso il cuor ”, celebre romanza tratta dall’operetta “Il paese del sorriso” di Lehar, accompagnata sempre da Tony Iglio e Paolo Rescigno in un bell’ arrangiamento jazz. Particolarmente emozionante e commovente è stata l’assegnazione del premio del secondo classificato: il testo “Ti prego amico vento” di Edoardo De Biase, che purtroppo pochi giorni fa si è spento. Il testo è stato letto dalla voce narrante Ornella Romano, presidente dell’associazione citata e poi cantato da Marisa Portolano. Il premio, consistente nella targa, spartito e registrazione in un cd della canzone, è stato consegnato alla moglie dello scomparso scrittore, accompagnato da un grande applauso. La serata è proseguita con altri ospiti illustri. Sul palco è, infatti, salita Delia Catalano, nipote di E.A. Mario che si è esibita cantando “ Funtana all’ombra”. Subito dopo Nora Palladino ha interpretato con grande trasporto e professionalità una splendida versione di “Canzone appassiunata”. Le due artiste poi hanno costituito un “duo” ed hanno cantato “Cunto’ e Natale” una canzone scritta da E.A. Mario durante la Prima Guerra Mondiale, il cui testo rappresentava la speranza che la guerra finisse e finalmente si tornasse alla pace. Si è, quindi, giunti alla proclamazione del vincitore del primo premio, Vincenzo De Simone, col testo “Canto emigrante” che è stato cantato ancora una volta dalla brava Marisa Portolano con un ulteriore tocco di classe.  Oltre alla targa, l’attestato e la musica, il vincitore ha ricevuto ben trenta cd con la canzone. Infine c’è stata la consegna degli attestati a tutti i partecipanti al concorso e poi, tra gli applausi del pubblico, alla conclusione dello spettacolo, sul palcoscenico sono saliti tutti insieme: ospiti, i membri della commissione e vincitori.

di Redazione