Aversa, alla Libreria Il Dono, per il Festival dell’Impegno Civile si è discusso di “Beni comuni, luoghi di cultura, di arte e di formazione”

foto Giuseppe Panza

Si è tenuta, sabato 25 luglio, ad Aversa, un’altra tappa del Festival dell’Impegno Civile, ideato e promosso dal Comitato Don Peppe Diana e da Libera.

La giornata è stata divisa in più appuntamenti:

Alle 10:30 presso il bene di via Gramsci: presentazione dell’avviso pubblico al mondo del terzo settore, ai fini del riutilizzo sociale.

Alle 16:30 presso la Libreria Il dono: “Beni Comuni, luoghi di cultura, di arte e di formazione”

Alle 18:30: presso la fattoria Fuori di zucca: focus sui beni comuni, luoghi di riscatto e impegno sociale
Alle  20:30:  AgriCena presso la fattoria Fuori di zucca.

 

La tappa del Festival dell’Impegno Civile di Aversa è iniziata sabato mattina in un bene confiscato, la villetta con piscina in via Gramsci, un tempo di proprietà della famiglia Verde, clan operante proprio nella zona al confine fra le province di Napoli e Caserta. Il primo appuntamento aversano ha visto la presenza di Mauro Baldascino del Comitato don Peppe Diana, Riccardo Cristian Falcone di Libera Campana, dell’assessore alle Politiche sociali Ciro Tarantino e, fra il pubblico, di numerose associazioni e cooperative del territorio

Nel pomeriggio alle ore 16.30, presso il cortile della Biblioteca comunale, all’interno del quale vi è la sede della Libreria Il dono, si è discusso di ‘Beni Comuni, luoghi di cultura di arte e di formazione’.

Ad aprire l’incontro, il padrone di casa, il prof. Fortunato Allegro, presidente della Libreria il Dono.  A moderare l’incontro:
Antonella Cotugno dell’Associazione Patatrac
Aniello Iovinella del Presidio Libera Aversa “Attilio Romanò e Dario Scherillo”

Il prof. Allegro dopo i saluti iniziali, ha tenuto a precisare l’importanza della collaborazione e dell’interazione tra le associazioni presenti sul territorio, un punto focale senza il quale non si può generare solidarietà, non si possono condividere idee, progettualità e cultura.

Ha presentato poi la copia del San Michele che sconfigge Satana, quadro di Raffaello, al quale sarà dedicata la prossima mostra dopo il successo ottenuto, l’anno scorso, per la mostra dedicata a Leonardo da Vinci. Infatti, quest’anno ricorrono i 500 anni dalla morte del pittore di Urbino e la libreria Il dono è pronta a organizzare e allestire una mostra di riproduzioni delle opere di Raffaello per renderla fruibile a tutti.

Toccante e commovente il ricordo di Valerio Taglione, da parte di alcune socie del presidio di Libera Aversa: “Valerio Taglione ci ha insegnato il vero valore della politica, nell’accezione pura del significato. Lui ha speso la sua vita per gli altri e per il bene comune e ha lasciato questo importante e indelebile messaggio ad ognuno di noi.”

 

L’assessore alla cultura del Comune di Aversa, dott.ssa Luisa Melillo ha ribadito l’importanza dei confronti tra associazioni del territorio e gli enti istituzionali, ha escluso il coinvolgimento di privati nella gestione della Biblioteca comunale, per il momento sprovvista di bibliotecari, e che purtroppo per la cultura gli investimenti sono sempre minimi, se non pari a zero.

Il Festival dell’Impegno Civile ad Aversa è organizzato dal presidio Libera Aversa, dal Comitato don Peppe Diana, Libera Caserta, Patatrac, Libreria il Dono, Fridays For Future Aversa, Aversalab2030, Federazione La Maddalena Che Vorrei, Agesci Gruppo Scout Aversa1, Agesci Gruppo Scout Aversa2, Masci Gruppo Aversa2, Cooperativa I 100 Passi, Fattoria Fuori Di Zucca, Alla Luce Del Sole, Ass. Famiglia Al Centro, Liburia Felix, Caritas Diocesana Di Aversa.

Paola Improda