Aversa, nasce l’associazione culturale MirArte, con sede a Palazzo Cascella

Hits: 1596

14595792_1113298665435206_1251477356407095561_nMirArte, l’associazione culturale (senza scopo di lucro), nasce dal comune desiderio di promuovere, organizzare e diffondere eventi culturali, spettacoli teatrali e musicali, manifestazioni enogastronomiche, cinematografiche,  mostre d’arte,  presentazioni di libri e saggi, convegni ed incontri culturali ad ampio raggio, collocandoli all’interno di dimore storiche.

L’intento associativo è quello di dar vita ad un attivo polo culturale, nella città di Aversa e nel territorio dell’agro aversano, che divenga punto di incontro e di vivace confronto su tutte le innumerevoli  forme d’arte.

Sede operativa dell’associazione è Palazzo Cascella, prestigiosa e antica dimora, posta nel cuore del centro storico di Aversa e luogo ideale,  con le sue  eleganti sale ed il rigoglioso giardino a corte,  per accogliere iniziative di alto spessore culturale.

Ideatrici e fondatrici del progetto culturale sono Rachele Romano Presidente dell’associazione, Milena Mirisciotti e Cristina Turco.

I primi progetti culturali, in programma il prossimo 18 novembre, vedranno in scena  la talentuosa Antonella Maisto,  che con la sua ensemble, terrà un concerto  dal titolo “O Fado” dedicato alla musica portoghese, senza dimenticare  assonanze e  richiami alla musica classica napoletana.

Il 16 dicembre sarà la volta dello spettacolo “Concerto BLU” della cantante e performer  Lalla Esposito che, accompagnata dal Maestro Mariano Bellopede, tributerà  un omaggio  alla  grande figura di Domenico Modugno, eseguendo con maestria e raffinatezza i maggiori successi del cantante, intervallati da racconti e letture di  aneddoti.

Il 20 gennaio, andrà in scena uno spettacolo di e con l’eclettica Maria Cinzia Mirabella dal titolo “Sebben che siamo donne”  nel quale l’attrice raccoglie, dalla tradizione letteraria antica e contemporanea,  personaggi femminili ai quali dà vita e anima con la sua convincente interpretazione. Affascinata dalla dimensione narrativa del racconto e coinvolta dall’opportunità di indagare e veicolare una visione del mondo tutta femminile.  Così Maria Cinzia darà voce alle parole di Annibale Ruccello, Manlio Santanelli, Alan Aychbourne, Claudio Bisio…;ed altri; facendo sua, la loro visione del mondo femminile.

 

Tra un spettacolo e l’altro, tutti collocati il terzo venerdì del mese, sono in programma presentazioni di libri ed incontri culturali.

Ad aprire il 2 dicembre, sarà la presentazione del libro di Tiziana Beato dal titolo “Pillole di adozione”, redatto nella simpatica versione grafica di bugiardino e ricco di spunti di riflessione e di confronto. Il testo è dedicato all’esperienza adottiva vista dall’ottica del figlio.

(Fonte Foto: pagina Fb MirArte)

Print Friendly, PDF & Email