“Gli Uffizi a Casal di Principe”, mostra prorogata fino al 13 dicembre 2015

Hits: 203

006-300x200

“Gli Uffizi a Casal di Principe”: oltre 20mila presenze in 4 mesi e proroga fino al 13 dicembre 2015.

La mostra che ha inaugurato la prima produzione culturale in un bene confiscato alla

camorra, La luce vince l’ombra. Gli Uffizi a Casal di Principe (a cura di Antonio Natali,

Fabrizio Vona e Marta Onali), sarà prorogata fino al 13 dicembre prossimo.

Il successo di pubblico – fino a oggi oltre 20mila visitatori dal 21 giugno, giorno

dell’inaugurazione alla presenza del Ministro Dario Franceschini, e un sempre crescente interesse da

parte delle tante scuole del territorio – hanno spinto First Social Life e il Comune di Casal di

Principe a formulare la richiesta di proroga. La formalizzazione della proroga è avvenuta nei giorni

scorsi, con le lettere di risposta positiva da parte dei musei prestatori delle opere in mostra, ed è

possibile grazie al coraggio e alla fiducia economica dei partner del progetto R_Rinascita. Infatti,

partner del calibro del Gruppo Battistolli e del Gruppo Bassilichi, con Coop Italia, Unipol,

Fondazione Unipolis, il Centro Commerciale Campania, gli Amici degli Uffizi, il Soroptmist

International d’Italia che hanno deciso, per primi, d’investire ancora in questo progetto complesso e

straordinario.

E oggi l’annuncio della proroga – insieme alla profonda gratitudine verso le Forze dell’Ordine,

per la costante attenzione e presenza, e al Comitato don Peppe Diana, che ha contribuito alla riuscita

della mostra – è possibile anche grazie a Ferrarelle, Banca popolare Etica. Banca Popolare di Bari e

Banca Popolare di Ancona, Carson, Ponteggi Pagano, Weber, Cleprin.

La luce vince l’ombra. Gli Uffizi a Casal di Principe

21 giugno – 21 ottobre 2015, Casa Don Peppe Diana, Casal di Principe (Ce)

Mostra sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica Italiana

Al contempo è stato presentato alla Giunta d’amministrazione di Casal di Principe, da Alessandro

de Lisi, direttore culturale del progetto complessivo e di First Social Life e dal presidente Giacinto

Palladino, responsabile generale dell’associazione e dei progetti esclusivi, il programma biennale

per il “dopo Uffizi”: si tratterà di un lungo percorso di produzione con al centro l’arte e la fotografia

contemporanea, progettato in esclusiva per “casa don Peppe Diana/Restart” (immobile assegnato al

comitato don Peppe Diana) intitolato “Reurope – Social Heritage”. Nel suo ambito sono previste

diverse mostre ed eventi, interventi urbani con artisti internazionali e creativi locali per il recupero

del territorio e del paese, meeting sul valore sociale delle espressioni artistiche attuali, con

particolare attenzione al ruolo del lavoro, della resistenza civile, della donna, contro le dittature e il

crimine organizzato, dell’ambiente e dell’Ecologia Integrale, come indica papa Francesco nell’ultima

enciclica.

Gli orari di fruizione della mostra sono: 8.30 – 20.30 dal lunedì al sabato, 10.00 – 20.30 la

domenica.

Visto il grande afflusso di visitatori, per i gruppi superiori alle 20 persone è consigliata la

prenotazione. Per ulteriori informazioni scrivere a: gliuffiziacasaldiprincipe@gmail.com oppure a

ambasciatoridellarinascita@gmail.com.

Per i contatti in mostra telefonare al numero: 339-4680354.

Print Friendly, PDF & Email