Libri

“Il dio dell’I-Ching”: misteri e fascino orientale nel romanzo di Iannaccone

Isaia Iannaccone

Azione, intrigo, colpi di scena, suspense, ironia, fascino e misteri dell’Oriente sono solo alcuni degli ingredienti dell’ultimo romanzo di Isaia Iannaccone “Il dio dell’I-Ching” (Ed. Orientalia, 2017). Il libro è di quelli che ti lasciano il fiato sospeso e ti prendono fin dalla prima pagina, diventando una calamita da cui non ti stacchi fin quando non l’hai divorato fino all’ultima parola, lasciandoti dentro una scia di immagini e un desiderio di conoscere nuove avventure dei personaggi. L’identificazione, infatti, ti avvolge e crea una sorta di amicizia e complicità con i protagonisti al punto che ti affezioni e per alcuni giorni non riesci ad iniziare la lettura di un nuovo libro perché ti dispiace staccarti dalla storia appena conclusa.

La struttura del romanzo è interessante. Anche la suddivisione dei capitoli è singolare e stimola la curiosità intellettiva. Si tratta dei 64 esagrammi dell’I-Ching. Ciascuno è rappresentato con simboli grafici, costituiti da linee parallele che variano in base alla posizione di quelle spezzate al centro, corredate da piccoli titoli cinesi rappresentati anche con istogrammi. Sono affascinanti e fonte di saggezza: forniscono indicazioni e interpretazioni su diversi e variegati aspetti della vita concreta e interiore e aprono finestre sull’esoterismo. L’autore ha avuto l’abilità di utilizzare ciascun simbolo, dando un’interpretazione funzionale alla narrazione della storia.

Questa è ambientata a Bruxelles, ma di tanto in tanto si collega ad un’altra storia “parallela” risalente alla Cina del 1276 con cui ci sono delle analogie e dei precisi legami e che misteriosamente in qualche modo ne determina gli eventi.

In queste realtà, tra antico e moderno, si muovono i protagonisti singolari e stravaganti, tra cui il sinologo napoletano Matteo d’Ortica che si trova coinvolto, a rischio di essere ucciso, nelle indagini che si svolgono per scoprire l’assassino del direttore della Europe International School, ritrovato in uno spiazzo della Foret des Soignes decapitato e con le dita mozzate, in una modalità che sembra rispecchiare un rituale descritto in un antichissimo documento cinese da lui studiato. Lo strano incontro con il dio dell’I-Ching, un essere soprannaturale e inquietante, diventa un elemento determinante per l’individuazione della verità.

Il libro è di grande spessore culturale e l’autore generosamente condivide con i lettori il frutto di anni di studio e di ricerca sulla storia della Cina. Infatti, oltre a svolgere la sua professione di chimico, Isaia Iannaccone è un sinologo. Nato a Napoli, ma residente da anni a Bruxelles, è uno specialista della storia della scienza cinese e di quella dell’incontro tra l’Europa e la Cina. E’ autore di diversi saggi e articoli sulla cultura e la civiltà cinese ed è membro dell’Internazional Academy of History of Science. Autore di due guide sulla Cina (T.C.I.), di opere teatrali e di libretti d’opera, ha scritto due romanzi, L’amico di Galileo (Rizzoli, 2006) e Il Sipario di giada (Sonzogno, 2008), best seller internazionali e il romanzo epistolare Lo studente e l’ambasciatore (Guerra, 2015).

 

Daniela Vellani

 

More from Libri

Napoli, alla libreria Iocisto, Maurizio Braucci e Cesare Moreno presentano “Insegnare al Principe di Danimarca”

Napoli, giovedì 29 giugno alle ore 18:30 nella Libreria IociSto, Cesare Moreno, Presidente dell’Associazione Maestri di Strada Onlus di Napoli e Maurizio Braucci, scrittore e sceneggiatore  presentano “Insegnare al Principe di Danimarca”  (Sellerio Editore Palermo), libro, vincitore del Premio Siani, che … Per saperne di più

Roberto Vecchioni, “Il mercante di luce” e l’importanza delle parole

Grande successo per Roberto Vecchioni al Metropolitan di Aversa, dove ha presentato “Il mercante di luce”, il suo ultimo libro. L’evento è stato organizzato dalla libreria Libriotheca, in collaborazione con il Liceo Classico Cirillo e l‘ISISS Mattei. Il saluto all’ospite, inizia con … Per saperne di più

Napoli, al Suor Orsola Benincasa presentazione del saggio “Cartografie pedagogiche – Teatro come metodologia trasformativa”

“Cartografie pedagogiche – Teatro come metodologia trasformativa” è il titolo del saggio di Pedagogia dell’Arte, a cura di Maria D’Ambrosio, che sarà presentato giovedì 4 maggio 2017 alle ore 16,00 presso la Sala Villani dell’Università degli Studi “Suor Orsola Benincasa” … Per saperne di più

“La dieta della longevità”: Valter Longo boccia la carne e le proteine animali.

Da un po’ di anni ciò che arriva sulle nostre tavole, e le scelte alimentari, stanno diventando un argomento continuo, non solo di studio, ma di interesse sempre più generale. L’assunto di base, da cui il nostro benessere arriva imprescindibilmente … Per saperne di più

Al Pan di Napoli, “Estratti di Anime Femminili” presentata l’antologia che dà voce alle donne

Un’antologia scritta da donne che danno voce ad altre donne.   Presso il PAN di Napoli, lo scorso 13 dicembre c’è stata la presentazione del libro “Estratti di anime femminili” a cura di Francesca Saveria Cimmino e Carolina Fenizia. Le … Per saperne di più

Piacenza: presentato, presso la sede dei Manicomics, il libro “Sì viaggiare”

Atmosfera vintage e molto affascinante, quella di ieri sera, alla presentazione del libro “Sì viaggiare” di Giuseppe Magistrali ed Elena Uber, Edizione Pontegobbo. Nell’incantevole scenario della sede della Compagnia Teatrale Manicomics, il pubblico, numerosissimo, ha assistito, con interesse, alla particolare … Per saperne di più