Napoli, al Teatro Nuovo, si terrà la prima nazionale di “Women Crossing. Storie di sabbia e di mare”.

Mercoledì 13 dicembre (ore 19,00) al Teatro Nuovo di Napoli, si terrà la prima nazionale di “Women Crossing. Storie di sabbia e di mare”.

Donne, in fuga dalla guerra e dalla morte, in scena per “Quartieri di vita” festival diretto da Ruggero Cappuccio

Donne, in fuga dalla guerra e dalla morte, sono le protagoniste di “Women Crossing. Storie di sabbia e di mare”. Lo spettacolo di Alessandra Cutolo che va in scena mercoledì 13 dicembre (ore 19,00) al Teatro Nuovo di Napoli per la seconda edizione di “Quartieri di vita”, festival di formazione e teatro sociale diretto da Ruggero Cappuccio e realizzato con il sostegno della Regione Campania dalla Fondazione Campania dei Festival presieduta da Luigi Grispello.

Il lavoro, realizzato da  PAV e Associazione Di. Fro (Diritti di Frontiera) con le giovani donne del Centro d’accoglienza Cidis Onlus “Casa Sabali” di Mugnano, mette in luce l’alterità femminile di mondi diversi: quello di donne in fuga da paesi in guerra, che hanno attraversato il deserto ed il mare, con le storie di altre italiane e migranti, in un esito finale di laboratorio che esplora frammenti di diversi testi-pretesti, a partire dalle suggestioni del “Romeo e Giulietta” di Shakespeare. Donne provenienti da Nigeria, Costa D’Avorio, Somalia, Sierra Leone e Gambia e, con loro, attrici e professioniste del teatro hanno sperimentato le reciproche conoscenze e competenze in uno spazio sospeso, riunite attorno al rito del teatro ad annullare qualsiasi distanza e a stabilire intimità inattese. Il progetto di Alessandra Cutolo si avvale della drammaturgia di Silvia Ranfagni realizzata in collaborazione con Paola Rota e con le attrici Patience Sare, Silvia Gallerano, Aisha Montana, Simonetta Solder, Yemisi Adeboye, Sandra Toffolatti, Confort Samuel, Elisabeth Adeboga, Tiziana Borgese, Deborah  Offeh, Marianna Cappi, Rosaria D’Amico, Livia Lupatelli, Silvia Ranfagni, Denise Mcnee, Natalia Vetta, protagoniste in scena.

In “Women Crossing” ogni donna entra nel “ritmo” dell’altra, a proporne uno proprio, a esporre allo sguardo e all’esperienza delle altre gli aspetti più significativi del proprio viaggio.

“Le “Women Crossing” – sottolinea Alessandra Cutolo – raccontano brandelli di viaggio, ammassate su camion, pick up, jeep, a volte con figli in braccio, nel deserto. Senza cibo e senz’acqua a sufficienza, raccontano la paura. Esposte al pericolo continuo che il proprio corpo venga fatto oggetto di violenza.  Esposte alla necessità di lasciare per strada chi non ce la fa. Minacciate, rinchiuse in ghetti lungo il percorso, violate, comprate, a tappe, più volte durante il percorso. Traghettate in maniera precaria, hanno raggiunto l’Italia. E il racconto si fa pianto, riso, canto”.

Per “Quartieri di Vita” è previsto un biglietto d’ingresso, simbolico di 2 euro, che servirà a raccogliere fondi per l’Ospedale Pediatrico Santobono-Pausilipon.

Info  + 393440454626;  www.fondazionecampaniadeifestival.it Biglietti Intero euro 2,00

Biglietteria centrale: Napoli Ticket (Via Tarsia, 65 –Napoli) Tel. 081 19568172.